Artistico Marmo

Iscrizione newletter

Cari Lettori,

un cordiale augurio di un sereno 2020.

Il nuovo anno che ci si dispiega dinnanzi, si preannuncia un anno speciale

per le celebrazioni per il cinquecentenario della morte del grande Raffaello: da Urbino – città natale di Raffaello Sanzio – a Milano e fino in Umbria si moltiplicano le iniziative volte a celebrare l’arte del grande artista rinascimentale. Il 2020 sarà dunque l’anno Raffaellesco, che attraverserà l’Italia da Nord a Sud, dopo il grande successo delle iniziative su Leonardo da Vinci.

Tappa obbligata per tutti i cultori di Arti Sacre sarà la grande mostra romana che si aprirà il 5 marzo alle Scuderie del Quirinale: duecento capolavori, 50 provenienti dagli Uffizi, per la più spettacolare monografica mai dedicata a Raffaello. Con la maxi-mostra a Roma culmineranno le celebrazioni per l’artista a livello mondiale: protagoniste ne saranno le opere dell’Urbinate mai riunite tutte insieme prima d’ora.

In attesa di contemplare le pale e le stupende “Madonne” di Raffaello, noi continuiamo il nostro cammino alla scoperta delle bellezze dei territori, veri “scrigni” di Arte Sacra.

In questo numero, un focus particolare sull’evento “Cultura Capitale”, La Giornata Nazionale dell’Ufficio beni culturali ecclesiastici ed edilizia di culto della Conferenza Episcopale Italiana di Matera dello scorso dicembre, seguito da due nuove rubriche: Santuari Italiani, in cui incontreremo la fede e devozione popolare di Messina per le celebrazioni in onore di S. Antonio e Giovani Artisti, in cui incontreremo ad ogni numero una “promessa” dell’Arte Sacra. In questo numero Francesco Ciardiello.

E ancora due iniziative che arricchiranno il 2020: I Passi dell’Arte, un corso di scultura per artisti non vedenti, realizzato dalla Sacred Art School di Firenze ed il grande Premio Internazionale di architettura Sacra Frate Sole.

Tre sezioni impreziosiscono ulteriormente il nostro numero: la visita al Museo Diocesano di Cuneo, la mostra “L’Invenzione del colpevole” al Museo Tridentino ed infine la mostra “La Ferita tra umano e divino” organizzata dal Museo di Jesi.

Infine la Cattedrale di Gorizia condivide con noi l’implementazione del suo allestimento virtuale per la visita al Tesoro della Cattedrale.

Un numero ricchissimo, tutto da sfogliare corredato da video e interviste nel portale.

Buona Lettura!

Angelomaria Alessio


Sfoglia la Rivista

Cerca nel giornale